LA RETE DI INDRA – Tutto il mondo è connesso.

Dal 2 al 6 novembre c/o Torino Esposizioni e in concomitanza con Paratissima

 
LA RETE DI INDRA 
Tutto il mondo è connesso. 
a cura di Rachele Re e Licia Marie Toccaceli
flyer_la-rete-di-indra
 
In questa occasione sarà esposta la prima creatura del progetto pittorico sul Bestiario
Si tratta di Fukushima’s Butterfly, un animale da bestiario realmente esistente e prodotto dall’era moderna. Tutto il progetto sul bestiario infatti si propone di raccogliere quelle creature animali e vegetali nate da mutazioni di ogni tipo. 
Fukushima’s Butterfly è la farfalla nata in seguito all’incidente nucleare nella centrale giapponese. Dopo due mesi dall’esplosione alcuni studiosi hanno condanno ricerche sugli insetti della zona di Fukushima, in particolare su alcune specie di farfalle. Gli esemplari che erano bachi da seta durante l’esplosione mostrano antenne sfigurate, ali più piccole del normale, colori anomali. Col passare del tempo il numero delle specie di farfalle coinvolte e le deformazioni accertate aumentano a causa del profondo shock a cui l’intero ecosistema della zona è stato sottoposto.
 
fukushima_butterfly
 
All’interno della collettiva La rete di Indra l’installazione pittorica cercherà di mostrare connessioni riprendendo un concetto noto: l’effetto farfalla

Per “effetto farfalla” si intende una connessione solo apparentemente casuale, tanto che in maniera provocatoria nel 1972 una conferenza di meteorologia si apriva con il seguente titolo: “Può, il batter d’ali di una farfalla in Brasile, provocare un tornado in Texas?

Annunci